MAGO DE MAGO

Per informazioni chiamare il
3476128895 oppure scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per avere la certezza di essere ricontattati lasciate il vostro n. di telefono

cliccate sui pulsantini e vedrete 3 diversi filmatini

Sei qui: HomeGuida all'organizzazione party

Guida all'organizzazione party

Per la migliore riuscita della festa, nell' interesse soprattutto di chi ci invita e' stata costruita una GUIDA alla gestione della festa.

Non sono regole che vanno seguite per forza da parte di chi ci invita, pero' se non si seguono la festa non e' garantito che riesca al massimo della potenzialita'.

Il nostro intervento per considerarsi risucito al massimo deve raggingere 3 obiettivi principali

1 I bambini vengano coinvolti in maniera che non gravino tutto il tempo sui genitori.

2 I bambini si divertano con le attivita' proposte. (Pacchetto animazione)

3 Ai bambini  rimanga un bellissimo ricordo dello spettacolo del  giorno del compleanno e che ne continuino a parlare  per un anno intero.... (Pacchetto Mago)

Per raggiungere in pieno questi obiettivi abbiamo bisogno della collaborazione di coloro che ci hanno invitato alla festa e che sono i padroni di casa o hanno affittato un locale.

 Guida alla collaborazione

 

1. I genitori si mettano d'accordo col festeggiato almeno un giorno prima della festa, in modo che il bambino sia gia' preparato il giorno della festa, che i regali verrano aperti tutti insieme, dopo lo spegnimento delle candeline e il taglio della torta.

2.  I genitori mentre arrivano i bambini e portano il regalo devono prenderlo e metterlo da una parte, e segnare il nome di chi lo ha portato, segnarlo con un pennarello, non con una penna perche con la penna non e' immediata la lettura e nel ritmo della festa se l'artista al momento della consegna dei regali si sofferma a cercare, il nome di chi lo ha regalato, fa una pausa e nella pausa puo' perde l'attenzione dei bambini, mentre invece se sono segnati col pennarello, e scritto grande, il ritmo della festa scorre senza interruzioni. Se i festeggiati sono due come, per esempio quando sono festeggiati fratello e sorella e' importante scrivere non solo il nome di chi ha portato il regalo, ma anche a chi e' destinato.

3. Evitare i distrattori acustici:

Alla festa almeno durante il nostro intervento non devono essere presenti,

Fischietti

Trombettine

Sonaglini.

Jeap o macchine per bambini col clacson.

 

Evitare distrattori fisici.

Palloncini (meglio se non sono presenti) se ci sono devono essere appesi ad un cordino in alto dove i bambini non arrivano a prenderli, se sono attaccati con lo scotch non va bene perche' si staccano facilmente e come un palloncino viene in terra il vostro locale puo' trasformarsi in un campo sportivo, soprattutto se alla festa c'e' qualche maschietto oppure il padre di qualche maschietto che talvolta pure i genitori giocano a calcio con i figli.

Evitare tutto cio' che rotola, come palle, palline, anche se c'e' un biliardino vanno tolte le palline da dentro.

4 Evitare i distrattori elettronici

Evitare I game boy, i computerini portatili, se un bambino ne ha uno, fa un gruppo intorno a se di altri aspiranti giocatori, quindi vanno evitati per tutto il periodo della festa o del nostro intervento...

 

Come si fa ad evitare tutte queste cose se a portarle non sono i padroni di casa ne il proprio figlio ma qualcuno degli invitati arriva alla festa ed ha per esempio un pallone, o un Nintendo?

Gli vanno tolti appena arriva ma senza nominare il mago e neanche il festeggiato

Facciamo l'esempio :

Arriva Tonino alla festa con un Nintendo DS

Il padrone di casa lo accoglie e dice:

Frase NON corretta da evitare

"Ciao Tonino hai un Nintendo dallo a me il mago non vuole che lo tenete"

E' scorretta perche in questo caso Tonino avra' in antipatia il mago e il suo spettacolo.

Frase NON corretta da evitare

"Ciao Tonino oggi e' la festa di Davide i computerini non si usano dallo a me"

Questa e' scorretta perche nominando Davide che e' il festeggiato si attrbuisce a lui la "colpa che non si puo' avere il comuter quindi si potrebbe prendere in antipatia il festeggiato.

 

FRASE CORRETTA

"Ciao Tonino, vieni dammi il regalo si mette li' poi dopo si aprono tutti insieme, sai oggi c'e' una festa vieni qua, dammi il computer dallo a me, guarda dove sono i bimbi, vieni qua, dammi il computer, si mette la' poi te lo rido' vieni guarda i bimbi sono tutti la', vieni ti porto io."

Questa frase e' corretta perche' non nomina ne' il festeggiato ne' il mago, non da' una spiegazione precisa del perche' il computer lo prende l'adulto e lo mette via ne dice esattamente quando sara' restituito, fa un po' confusione dal punto di vista della grammatica e questo serve a disorientare un attimo il bambino che deve impegnare le sue risorse per capire, piuttosto che per reagire e dire "nooo  lo voglio ioooo".

 

5. GESTIONE DEI RITARDI

Se un bambino arriva tardi, prendiamo per esempio un bambino che si chiama Tonino che arriva mentre la festa e' gia iniziata e tutti gli altri bambini stanno assistendo allo spettacolo del mago.

AZIONE SCORRETTA

Arriva Tonino in fondo alla sala e il genitore va da Davide il festeggiato, "Guarda Davide guarda chi e' arrivato vieni a salutarlo"

 

 E' scorretto perche' distrae Davide dallo spettacolo e i suoi amici potrebbero alzarsi e andar via dalle sedie insieme al festeggiato per andare a Salutare Tonino, magari stavamo facendo una magia che richiedeva in particolar modo la presenza del festeggiato e dobbiamo interrompere, poi se si riparte da capo diventa doppia e annoia il ripeterla se si riparte dal punto dove ci eravamo fermati i bambini non ricordano piu' cosa e successo prima e quindi perdono l'attenzione..

AZIONE CORRETTA

 Il genitore va da Tonino che e' arrivato tardi gli dice "Ciao Tonino, che bello sei qui, guarda dammi il regalo poi si apre tutti insieme, se ha una palla o qualsiasi altro distrattore, dallo a me vieni guarda dove sono i bimbi, vieni qua guarda dove e' Davide, guarda stanno guardando tutti un mago vieni ti porto dove sono loro prendiamo questa sedia mettiti qui con loro siedi qui".

6. Durante lo spettacolo evitare se e' possibile di andare a portare salatini ai bambini.

Se si desidera che i bambini mangino i salatini durante lo spettacolo mettersi d'accordo col mago, clown o l'artista in questione di fare delle pausine dove i bambini verranno invitati a mangiare 5 minuti tutti insieme i salatini e poi si ricomincia.

7 Gestione spazio

Durante la parte dell'animazione non ci sono sedie e quindi i bambini non hanno bisogno per forza di un posto dove sedersi, ma durante lo spettacolo i bambini devono essere seduti non in terra su tappeti o altro, ma su sedie divani poltrone panche ecc.

Una quindicina di sedie le portiamo noi, il resto deve essere fornito dai padroni della festa.

Questo regola si da perche' in terra i bambini hanno i tempi dell'attenzione ridotti, non sappiamo esattamente il motivo, pero' funziona esattamente cosi'.

8 GESTIONE DEGLI ADULTI

Durante la parte della animazione non ci sono problemi, perche' i bimbi vengono fatti scalmanare e quindi, da un certo lato piu' confusione c'e' e meglio e' pero' nella parte dello spettacolo che devono prestare attenzione tutti a delle stesse cose si richiede che ci sia meno confusione possibile, o al massimo che se fanno confusione siano solo i bambini a farla....

Se ci sono due stanze diverse, in una si fa lo spettacolo e nell'altra stanno gli adulti non c'e' problema.

Quando invece la stanza e' una sola anche se grande anche se fatta a elle, puo' capitare questo:

Il mago parla davanti a 20 bambini e dietro ai bambini parlottano tra loro 40 genitori, i bambini si trovano nel mezzo a due fuochi.

Primo il mago che parla davanti a loro, secondo il parlottio dei genitori che giunge loro da dietro le orecchie.

 Questo diminuisce molto la durata dell'attenzione dei bambini in questi casi sono nervosi seguono di meno, rispondono di meno con meno entusiasmo alle battute del mago e quindi la loro piacevolezza diminuisce e la loro attenzione degenera prima.

E' un po' come per noi adulti quando si vedevano le partite di calcio che per protesta si sentivano le vuvuzele che stridevano tutto il tempo comtinuamente sopra la telecronaca e questo rumore rendeva a lungo andare spiacevole vedere le partite, era come il ronzio di una zanzara.

Quindi noi alle nostre feste per favorire l'attenzione dei bambini facciamo sedere tutti gli adulti presenti nella stanza dello spettacolo a semicerchio dietro ai bambini e li invitiamo anche loro a  guardare lo spettacolo insieme ai bambini.

Lo spettacolo anche se e' presentato in bambinesco che e' la lingua dei bambini, e quindi il parlato puo' far solo sorridere simpaticamente gli adulti, pero' le magie presentate sono presentabili e divertenti da vedere anche dagli adulti, quindi e' piacevole vederlo anche per i grandi.

Per realizzare questo abbiamo bisogno della collaborazione dei padroni di casa.

L'artista invitera' in prima persona i genitori a sedersi pero' la parte decisiva in questo caso la fanno i padroni di casa.

AZIONE INEFFICACE

Il mago dice "Salve signora dopo siete invitati anche tutti voi adulti a sedersi coi bambini per lo spettacolo perche' questo favorisce l'attenzione dei bambini e poi e' piacevole anche per voi, bisogna sedersi la' sulle sedie dietro quelle per bambini"

 Arriva la signora padrona di casa e dice contraddicendo il mago sorrisino d'intesa con la signora "Ma no ognuno si metta dove vuole"

Chiaramente come gia' spiegato all'inizio della pagina queste non sono regole obbligatorie ma senza di queste precauzioni la massima riuscita della festa non puo' essere garantita.

La cosa piu' importante per la gestione dei genitori e' mostrare che i padroni di casa sono  d'accordo col mago che hanno fatto un regalo al bambino (lo spettacolo) e ci tengono che i bambini possano apprezzarlo in massima piacevolezza e attenzione.

Esiste una frase specifica che noi consigliamo che i padroni di casa dicano agli invitati adulti ad uno ad uno in maniera da prepararli all'evento, senza risultare inospitali o troppo direttivi.

Questa frase usa parole d' impatto e risulta gentile, le parole in maiuscolo vanno pronunciate con enfasi.

"Abbiamo REGALATO,  uno SPETTACOLO di magia, a (NOME DEL FESTEGGIATO), dopo ci sediamo LI' e ce lo guardiamo"

Le  parole scritte in maiuscolo sono parole chiave.

REGALATO= quando diciamo questa  parola, facciamo capire che abbiamo fatto un regalo al festeggiato, e non abbiamo preso solo un baby sitter che ce lo tenga buono ma abbiamo fatto un qualcosa che vogliamo che gli piaccia.

SPETTACOLO= questa parola  presume che ci sia qualcuno a guardarlo e un performer che riempia la sala con la voce e la sua immagine, da' gia' l' idea di un teatrino, e non di una persona che si mette nell'angolino a far giocare i bambini che non devono distrarre gli adulti.

magia= non e' importante perche' se invece di spettacolo di magia ci fosse stata la parola spettacolo di clowneria o di giocoleria era uguale lo si sarebbe guardato comunque.

NOME DEL FESTEGGIATO= Chiaramente e' la parte piu' importante della frase, in quanto si capisce che aveter fatto tutto per il festeggiato lo considerate il suo giorno il suo regalo e ci tenete che venga al meglio, e ribadite che lui e' il vero protagonista della festa.

 LI'=e' importantisima questa parola perche mentre si dice "LI' " colla mano si fa vedere precisamente dove e' questo "LI " infatti dietro dei bambini ci saranno sedie a semicerhio dove gli adulti si siederanno', la forma geometrica precisa che puo' anche non essere un semicerchio ma per esempio un mezzo rettangolo e' importantissima perche' altrimenti se ogni genitore si siede dove vuole anche se in precedenza dice "si lo guardo lo spettacolo" succede invece che poi si formano le coppie dove si parla sopra le parole del mago e sopra l'attenzione dei bambini, mentre se sono tutti seduti a semicerchio, c'e' molta piu' attenzione al massimo ci sono due genitori che parlottano tra loro, ma se sono seduti senza forma geometrica ce ne sono 20 .....

9 RICHIESTE PARTICOLARI

Se c'e' qualche richiesta particolare oppure qualche bambino con esigenze particolari comunicarlo al mago prima della festa

Per esempio : (un bambino parla solo inglese)

Se lo dite infondo alla festa che ci posso fare? niente...

Ma se lo dite prima possiamo tradurre anche per lui in diretta mentre si spiega in italiano si spiega anche in inglese per lui.

Oppure se un bambino ha delle paure particolari.......

Insomma per qualsiasi esigenza comunicatelo prima, meglio qualche giorno prima della festa cosi ci organizziamo.....

Queste regole non sono obbligatorie ma senza di queste non possiamo garantire la riuscita massima della festa, magari verra' una buona festa comunque, ma sicuramente non il massimo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Free business joomla templates